Home » Apprendimento » Per quante ore al giorno è consigliabile studiare una lingua?

All’interno di Bullishlang potrai trovare una guida piuttosto approfondita su come studiare una lingua.

Ma un conto è sapere “come” studiare una lingua (a livello di approccio e materiali), un altro è trovare il giusto equilibrio tra studio e vita privata.

Per questo motivo ho pensato che potesse essere utile scrivere un articolo dedicato a quante ore al giorno studiare una lingua.

Infatti, sebbene possa sembrare una domanda banale, la risposta non lo è. Infatti, come vedrai, è una decisione che dipende da moltissimi fattori come la lingua in sé e altri fattori personali e/o ambientali.

Quante ore al giorno dovresti dedicare allo studio delle lingue?

Per imparare una lingua in maniera efficace è necessario dedicare dai 30 ai 90 minuti al giorno di studio a seconda della difficoltà della lingua, degli obiettivi personali, e dall’esposizione alla lingua che si ha normalmente durante la giornata alla lingua

Dedicare molto tempo al giorno allo studio può essere molto utile, ma allo stesso tempo controproducente.

Non è sempre necessario fare una full-immersion giornaliera per imparare una lingua straniera: se dedichi più tempo allo studio di quanto dovresti, potresti andare in burnout e addirittura dimenticare quello che hai già studiato.

È molto importante trovare quindi un giusto equilibrio tra lo studio delle lingue e la tua situazione privata.

Quanto tempo è necessario dedicare a seconda della lingua?

Per valutare quanto tempo dovresti dedicare a una lingua in base alla sua difficoltà, dovresti considerare questi fattori:

  • La complessità della lingua in sé
  • Le lingue che già conosci
  • La tua esposizione alla lingua
  • La tua conoscenza della lingua.

Facciamo due esempi con due lingue molto diverse tra loro, ma che sono tra le più gettonate dagli studenti italiani: l’inglese e il russo.

Inglese: Non è una lingua particolarmente complessa, è presente ovunque e il mondo è pieno di parlanti più o meno a livello madrelingua. Partendo dal presupposto che non conosci la lingua inglese (ma che hai un’infarinatura scolastica della lingua), puoi permetterti di dedicare 30 minuti ogni giorno allo studio.

Russo: Ha una grammatica molto complessa, una fonetica altrettanto difficile e un vocabolario molto ampio. Per studiare russo, bisogna dedicare almeno un’oretta al giorno allo studio. Se invece conosci già un’altra lingua slava (come ad esempio il polacco o lo sloveno, puoi permetterti di diminuire il tempo da dedicare alla lingua.

In ogni caso, spetta a te decidere la quantità di tempo da dedicare a una lingua. Tuttavia devi considerare che più l’apprendimento risulta arduo sulla carta, più tempo dovrai dedicare allo studio per imparare la lingua in tempi più o meno brevi e in maniera efficace.

Come determinare quanto tempo dedicare alle lingue

Abbiamo visto che la lingua di studio è uno dei fattori base che devi considerare, ma cosa succede se hai un lavoro che ti occupa tutta la giornata, oppure hai esigenze particolari?

Ebbene, in questi casi ci sono da fare dei ragionamenti aggiuntivi.

Obiettivi personali:  Se il tuo obiettivo principale è quello di parlare con stranieri o viaggiare (insomma, cose per cui non è necessario un alto grado di preparazione), puoi prendere lo studio con comodo. Al contrario, potrebbero essere sufficienti pochissime ore per raggiungere un livello accettabile.

Stile di apprendimento preferito: Ci sono studenti che preferiscono un tipo di studio più mnemonico incentrato sulla memorizzazione di vocaboli e grammatica, altri che preferiscono metodi più passivi come quello di Pimsleur, mentre altri ancora preferiscono essere aiutati da tutor e madrelingua. Ognuno di questi metodi per imparare lingue presentano pro e contro, ma scegliere il migliore per le tue esigenze può fare la differenza.

Tempo libero: Non prendere questo come un invito a studiare tutto il giorno se hai tempo libero. Il senso è diverso: devi dedicare parte dei tuo tempo libero allo studio. Dedicare tutto il tuo tempo libero alla lingua per più giorni di fila (soprattutto dopo una giornata a scuola, all’università o a lavoro), potrebbe portarti in burnout e a stancarti della lingua. Studiare una lingua nuova dev’essere un piacere, non un lavoro.

Livello di partenza: In poche parole, se hai già un’infarinatura generale della lingua di studio (o conosci una lingua molto simile) potresti considerare di gestire diversamente il tempo di studio. Ad esempio, se vuoi studiare Olandese e conosci già il tedesco e l’inglese, non avrai bisogno di dedicare ore e ore al giorno allo studio per arrivare ad un buon livello.

Quanto tempo bisogna dedicare alla pratica della lingua?

Le lingue non sono solo grammatica e vocaboli, ma c’è anche una parte di produzione scritta, di produzione orale e di comprensione.

Quindi, non puoi pensare di dedicare tutto il tempo alla grammatica perché per parlare una lingua avrai bisogno di molto altro.

In genere puoi pensare dividere il tempo di studio nel seguente modo:

60% pratica: Trova un modo per praticare la lingua nella maniera più piacevole possibile. Puoi ad esempio trovare un tutor che ti faccia fare pratica di conversazione, puoi trovare un tandem linguistico, oppure puoi consumare media come musica, film e serie TV nella tua lingua target.

30% studio: Segui un corso di lingua tramite app o in presenza, prendi appunti e fai attenzione a ripassare quanto visto durante le lezioni.

10% vocaboli: Puoi utilizzare un’app per flashcards come Anki, oppure puoi trovare la lista delle 1000 parole più comuni nella tua lingua di studio. Come abbiamo detto anche in questo articolo, studiare e ripassare giornalmente una decina di vocaboli è uno dei modi più efficenti di imparare una lingua.

Ha senso spezzettare lo studio della lingua durante la giornata?

Spezzettare lo studio durante la giornata potrebbe non essere il metodo migliore per imparare una lingua, soprattutto se il tempo a disposizione è poco.

Tuttavia, se vuoi spezzare lo studio durante la giornata, puoi fare in modo di dividere la parte di apprendimento o ripasso e quella di pratica.

In altre parole, se stai aspettando il bus per andare a scuola o a lavoro, puoi sfruttare quei 10 minuti di attesa per ripassare qualche vocabolo o regola di grammatica che hai studiato il giorno prima.

Poi, quando sei a casa o in un momento più tranquillo, puoi pensare a fare pratica con un amico o con un tutor, oppure puoi andare avanti con il tuo corso di lingua.

Bisogna per forza studiare la lingua tutti i giorni?

Non è per forza necessario studiare tutti i giorni per impararla. L’importante è essere costanti nell’apprendimento.

Certamente, più tempo dedichi alla lingua, migliori saranno i tuoi risultati. Però, d’altra parte, non è sano dedicare ad essa ore e ore di studio al giorno.

Ciò che puoi fare in questi casi è dedicare alcuni giorni allo studio attivo e immersivo della lingua, intervallati da giorni interi in cui non studi cose nuove, ma dedichi qualche minuto al ripasso.

Poi, dopo aver ripassato, puoi fare pratica per 30 minuti con un amico o con un tutor. In questo modo stai comunque studiando la lingua, ma in un modo che non ti pesa e non carica di informazioni nuove.