Home » Apprendimento » Come Imparare una Lingua: 11 Consigli per Farlo Bene

11 consigli utili per imparare bene una lingua

1. Trova il metodo di studio che fa per te

Esistono numerosi metodi di studio per imparare lingue, ma possono essere riassunti in:

  • Apprendimento intuitivo
  • Apprendimento per ripetizione
  • Apprendimento nozionistico

Quando si parla di apprendimento intuitivo, si fa riferimento a un tipo di metodo che punta a far apprendere la lingua come i bambini.

L’apprendimento per ripetizione, in genere, si concentra sulla lettura e ripetizione di dialoghi.

Invece, l’apprendimento nozionistico è semplicemente quello scolastico che si concentra principalmente sulla grammatica, sulle coniugazioni, sulla struttura della frase, e simili.

2. Dai poca importanza alla grammatica

A scuola le lezioni di inglese o di altre lingue si concentrano principalmente sulla grammatica, ed è un approccio totalmente errato soprattutto per imparare una lingua da zero.

Non prendere questo consiglio alla lettera: la grammatica è certamente una parte importante di una lingua, ma fino a che punto bisogna focalizzarsi su di essa?

Se hai appena iniziato a studiare una lingua, per esperienza personale, la grammatica è praticamente inutile e ti caricherà di nozioni che rallenteranno il tuo apprendimento.

Quello che succede è che se viene sovraccaricata la memoria a breve termine, il cervello a fine giornata deve decidere quali informazioni immagazzinare nella memoria a lungo termine e quali no. Quindi, in breve, ti dimenticherai del 50% delle cose studiate il giorno prima.

In altre parole, è inutile sapere perfettamente tutte le declinazioni all’accusativo in Russo se a stento sai come presentarti. Piuttosto, dovresti prima imparare a presentarti e poi studiare le regole grammaticali presenti all’interno della tua presentazione.

3. Memorizza le 1000 parole più utilizzate

La conosci la Legge di Zipf? Beh, dovresti conoscerla e ne parliamo meglio in questo post dove diamo consigli su come studiare velocemente una lingua!

Questa legge dimostra come la frequenza con cui si utilizzano le parole di una lingua non è totalmente casuale ma segue uno strano modello matematico.

Per riassumere ulteriormente senza scendere in tecnicismi, i parlanti madrelingua conoscono decine di migliaia di parole nella propria lingua, ma ne utilizzano “solo” qualche migliaia per esprimersi quotidianamente.

Di conseguenza, per massimizzare i tuoi sforzi devi assolutamente studiare le prime 1000 parole più utilizzate nella tua lingua di studio, per poi aumentare il numero fino a 5000 parole a seconda della tua conoscenza generale della lingua.

4. Sii costante nello studio della lingua

Quando inizi a imparare una lingua nuova devi tenere in considerazione che per arrivare a un livello accettabile (diciamo tra il B1 e il B2), dovrai spendere tra le 200 e le 500 ore di studio a seconda della difficoltà della lingua.

Sicuramente fare crunch di studio di 8 ore al giorno non è una buona idea per due motivi:

  • È logorante sul lungo termine
  • Il cervello non riuscirà ad elaborare tutte le informazioni

Se davvero vuoi imparare una lingua da zero, devi riuscire a capire quanto tempo dedicare giornalmente allo studio.

Che siano 15 minuti al giorno o 2 ore al giorno non fa differenza: l’importante è riuscire a dedicare costantemente del tempo alla lingua che si sta studiando.

Se un giorno non ti senti in forma o non hai voglia di studiare (e capiterà prima o poi!), sforzati almeno di ripassare la lezione del giorno prima.

5. Immergiti nella lingua di studio

Per immergerti in una lingua puoi seguire questi consigli:

  • Cambiare la lingua del sistema di tutti i tuoi dispositivi
  • Pensare nella tua lingua di studio
  • Descrivere in lingua ciò che stai facendo o ciò che ti circonda
  • Tenere in sottofondo qualcosa nella lingua target

6. Consuma media in lingua

Lo so. Per quanto una lingua ti piaccia, è noioso studiare i vocaboli, la grammatica e ripetere la stessa cosa mille volte per migliorare la pronuncia.

Però nulla ti vieta di svagarti con un film o una serie TV in lingua originale, scoprire nuovi artisti stranieri, goderti un audiolibro o guardare video su YouTube riguardo un argomento che ti appassiona.

Se riesci a integrare lo studio della lingua con la visione, l’ascolto e la lettura dei media che più ti appassionano, puoi stare certo che migliorerai esponenzialmente le tue conoscenze della lingua.

Infatti l’importante non è capire ciò che viene detto, ma abituare il cervello ai suoni della lingua che stai studiando. Piano piano, il tuo cervello riuscirà a separare automaticamente le parole che prima sembravano quasi mescolarsi le une alle altre.

Un altro beneficio di questo metodo, è che una volta raggiunto un certo grado di comprensione della lingua riuscirai a memorizzare parole nuove molto più velocemente perché le assocerai ad un determinato suono o a una determinata immagine.

7. Pratica la lingua dal primo giorno

Molti studenti di lingue hanno paura di fare errori, e quindi preferiscono non praticare la lingua fino al giorno in cui “saranno pronti”.

La realtà è che il giorno in cui si sentiranno pronti non arriverà mai, perché imparare una lingua passa sempre dalla pratica più che dalla memorizzazione in sé.

L’atto di parlare infatti non è semplicemente mnemonico, ma anche fisico perché coinvolge i muscoli facciali, i muscoli della lingua e la respirazione. Più si fa pratica, più si allena la memoria muscolare.

Quindi se pensi di poter imparare una lingua studiando e basta, devi sapere che non funziona così. Fare errori è parte integrante dell’apprendimento di una lingua, e non esiste al mondo un solo poliglotta che non abbia commesso errori nella fase di apprendimento.

Trova un tandem linguistico adatto a te, e inizia a praticare le lingue dal primo giorno di studio senza esitazione.

8. Lavora sulla pronuncia

Sebbene non sia un obiettivo primario, avere una buona pronuncia aiuta molto a livello di autostima.

Essere più sicuri di sé è importante per avere meno esitazioni al momento di parlare con qualcuno.

Oltre a questo, pronunciare impeccabilmente le parole permette di farsi capire meglio ed evitare equivoci.

9. Passa un periodo all’estero

Se ne hai la possibilità, passare un periodo all’estero è un’ottima idea.

Se hai del denaro da investire nel potenziamento della lingua, potresti iniziare un corso di lingua all’estero, una vacanza-studio, oppure trovare un lavoro stagionale che ti obbligherà a parlare in lingua coi tuoi colleghi.

Oppure esistono alternative gratuite come i gemellaggi, le esperienze au-pair, oppure i soggiorni presso famiglie ospitanti.

10. Tieni a mente la linea di apprendimento

Prima o poi sperimenterai l’effetto Dunning-Kruger, ed è giusto che sia così, ma devi essere consapevole che è normale ed è parte del percorso di studio.

In poche parole, passerai tre fasi dell’apprendimento:

  • Estrema fiducia nei tuoi mezzi: stai imparando una nuova lingua, diciamo il giapponese. Hai memorizzato con rapidità i Kana, conosci un centinaio di parole e anche qualche Kanji. Ti senti estremamente sicuro di te, tanto che aumenti il carico di studio giornaliero per imparare di più.
  • Sconforto: piano piano ti accorgi che ci sono migliaia di Kanji, che non capisci una parola di quello che ti viene detto nonostante tu stia spendendo ore sul giapponese, e che tutto si sta facendo mano a mano più complesso.
  • Consapevolezza: hai fatto pratica, ti ricordi sempre più parole, conosci e sai scrivere centinaia di Kanji. e riesci a conversare del più e del meno con i madrelingua. Col passare del tempo recuperi la fiducia che avevi perso

11. Trova la tua motivazione

Sembra banale, ma l’apprendimento della lingua passa principalmente dalla motivazione. Qual è la tua? Lavoro? Amicizie? Pura passione?

Sii consapevole della motivazione che ti ha portato a studiare una certa lingua, e migliorerai di conseguenza anche le tue sessioni di studio.

Ad esempio, se vuoi studiare lingue per fare amicizia con dei madrelingua, potresti voler imparare principalmente la lingua parlata quotidianamente, e senza dare particolare importanza alla grammatica o alla pronuncia.

Se studi una lingua perché ti appassiona la cultura di un paese, potresti trovare utile leggere dei testi in lingua straniera riguardo le festività, gli usi e i costumi del luogo.

Alcuni trovano (o ritrovano!) la motivazione guardando canali YouTube che mostrano le reazioni dei madrelingua quando sentono uno straniero parlare la loro lingua.